Corvette Z06 Convertibile

Il telaio in alluminio (introdotto dalla coupé) è talmente rigido che gli uomini del Cravattino non hanno nemmeno dovuto modificarlo. Il valore di rigidità torsionale è qui identico alla Z06 Coupé di vecchia generazione.

Corvette Z06 Convertibile

Corvette partecipa al salone di New York (18-27 aprile) con una nuova evoluzione della Stingray. E’ la Z06 Convertibile, vettura realizzata sfruttando la base meccanica della coupé ed indicata pertanto quale Chevrolet decappottabile più potente mai introdotta. Tale allestimento rappresenta poi una sorta di unicum, dato che una Corvette Z06 Convertibile manca dal 1963: in quell’anno ne venne realizzato un solo esemplare, ma era un pacchetto destinato alla normale Convertibile anziché un modello specifico.

PRIMO VIDEO DEDICATO ALLA Z06 COUPE'

L’auto mantiene il telaio in alluminio già visto sulla coupé. Tale opzione rende superfluo un irrigidimento della scocca, in virtù dei già eccellenti valori di rigidità torsionale: è sufficiente sapere che la Z06 Convertibile è rigida quanto la Z06 Coupé di vecchia generazione, mentre il peso non varia in percentuale significativa rispetto all’attuale Coupé. La capote è in tessuto (ordinabile in quattro colori) e può aprirsi/chiudersi fino alla velocità massima di 50 km/h. L’unica novità a livello stilistico è rappresentata dai pannelli sistemati dietro i sedili, disponibili in fibra di carbonio o nella finitura Carbon Flash. A livello tecnico non sono previsti aggiornamenti.

COSA C'E' NEL FUTURO DELLA CORVETTE? NON LA ZR1, MA FORSE UNA Z06X...

I tecnici Corvette hanno montato il V8 LT4 da 6.2 litri, sovralimentato tramite compressore, che sviluppa una potenza di ‘almeno 625 CV’ ed una coppia di 861 Nm. Di serie il cambio manuale a 7 rapporti, mentre il nuovo automatico ad 8 marce è disponibile in opzione. Optional anche il pacchetto Z07 Performance Package, che prevede dischi freno di maggior diametro (da 371/365 mm a 394/388 mm), spoiler regolabili e pneumatici Sport Cup 2, nella misura 285/30 R19 all’anteriore e 335/25 R20 al posteriore.

Testo a cura di Paolo Alberto Fina

  • shares
  • +1
  • Mail
11 commenti Aggiorna
Ordina: