E' stato posticipato il debutto dei nuovi taxi per Londra

A Londra potrebbero venir introdotte restrizioni per quei veicoli incapaci di rispettare determinati standard, compreso l'NV200 Taxi. Da qui il momentaneo stop al progetto.

Nissan NV200: i nuovi Taxi di Londra

Nissan ha dovuto imporre un brusco stop al progetto dei nuovi London Taxi, veicoli a basso consumo realizzati su base NV200 e destinati a sostituire in maniera progressiva i vecchi ed inquinanti black cab. Lo ha confermato direttamente James Wright, responsabile del marchio Nissan per il Regno Unito, secondo cui i lavori riprenderanno solo quando verranno fornite garanzie in merito al programma Ultra Low Emission Zone, che il sindaco della capitale vuole introdurre al fine di migliorare la qualità dell’aria.

Una fra le misure più drastiche mira ad allontanare le quattro ruote dal centro, limitando l’accesso solo ai veicoli a minor impatto ambientale. Fra questi non c’è il Nissan NV200 Taxi. Sembra infatti che il suo motore benzina non riesca a soddisfare i requisiti imposti, elemento che giustifica il provvisorio stop e diretto verso la linea indicata dal primo cittadino, che auspica la presenza di almeno 7.000 taxi elettrici dal 2020. L’articolo di Auto Express non rivela se la casa giapponese possa velocizzare il lancio della variante elettrica, prevista a 2016 inoltrato.

L’Ultra Low Emission Zone risulterà particolarmente severo con le vetture a gasolio, colpevoli di emettere quantità troppo elevate di particolato: Boris Johnson, sindaco di Londra, vorrebbe aggiungere un’ulteriore tassa da corrispondere a tutte le diesel. E’ inoltre previsto un ticket giornaliero di 20 sterline (25 euro) per chi si reca all’interno di zone ‘protette’. Questo piano affiancherà il già esistente London low emission zone, descritto da Wikipedia come

Lo schema messo a punto per creare delle zone, nel perimetro della Greater London, in cui è limitato il traffico di mezzi ad elevato inquinamento ambientale come quelli dotati di motori diesel di vecchia generazione. I veicoli sono stati classificati in funzione della emissione degli scarichi di elementi incombusti relativamente a determinati livelli ritenuti accettabili

  • shares
  • +1
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina: