Nuova Citroën C4: intervista con il responsabile del design

Nuova Citroen C4

La nuova Citroën C4 è senza dubbio uno dei modelli recenti che più radicalmente hanno mutato la propria fisionomia stilistica rispetto alla generazione precedente.

Nel caso della due volumi francese, che pur avendo perso un pelo di originalità ha riscosso comunque giudizi positivi di critica e pubblico, si potrebbe addirittura sostenere che il drastico cambio di rotta in fatto di design sia la sua caratteristica più notevole, il suo tratto distintivo.

C'è qualcosa di più opportuno di fare quattro chiacchiere con chi si cela dietro questa rivoluzione? Ovviamente no: ecco dunque nel seguito la nostra breve ma significativa intervista con Marc Pinson, il responsabile del design della nuova gamma C4, sugli aspetti salienti del nuovo modello.

Nuova Citroen C4
Nuova Citroen C4
Nuova Citroen C4
Nuova Citroen C4


-Marc, la nuova C4 ha uno stile tutto nuovo rispetto alla vecchia, sia dentro che fuori. Quali motivi hanno spinto al radicale re-design del modello? E soprattutto: perché un abitacolo così diverso dal precedente, a partire dal volante?

-"Dunque, il posto guida è stato concepito seguendo uno spirito di razionalizzazione, in accordo con le priorità dei clienti di questo segmento. Il volante è stato reinterpretato con la conservazione dei comandi raggruppati per funzioni (audio, navigazione, limitatore di velocità...), ma la ricerca dell'alleggerimento ci ha portati a semplificare il meccanismo tramite il ritorno ad un volante monoblocco".

-Per quanto riguarda la gamma, c'è un futuro per la C4 tre porte, magari con un look più dinamico dell'attuale, un modello dall'impostazione simile a Volkswagen Scirocco o Renault Mégane Coupé?

-"Il mercato delle coupé a tre porte si andrà saturando con l'arrivo di numerose proposte realizzate da vari costruttori internazionali".

-Parliamo di sicurezza e relative implicazioni: volendo quantificare, in che misura influiscono le norme relative ai crash test sul design dell'auto? E quanto quelle sui crash con i pedoni sul look del muso?

-"Le restrizioni imposte dai crash test rientrano senza dubbio tra i numerosi parametri che condizionano il design delle auto al giorno d'oggi. Tuttavia, di tanto in tanto compaiono soluzioni tecnologiche avanzate che ci permettono di ridurre l'impatto di questi vincoli sul car design".

-Non possiamo infine dimenticare un altro aspetto: la C4 si è allungata di 4 cm. Secondo te, le auto sono destinate a crescere ancora oppure no?

-"La nuova C4 è cresciuta in lunghezza per offrire un bagagliaio più ampio e diventare il benchmark del segmento sotto questo punto di vista. Nonostante l'incremento delle sue dimensioni tuttavia, il modello rimane ampiamente nella media delle misure del suo segmento di appartenenza.

Non solo: l'aumento della taglia della nuova C4 è assolutamente moderato rispetto alla disponibilità di spazio all'interno, che in proporzione è cresciuta molto di più. Per quanto riguarda la seconda parte della domanda, beh, le auto non sono destinate a crescere per forza a ogni nuova generazione. Più corretto dire che sono l'evoluzione dei modi di vita, le aspettative dei clienti e le leggi a condizionare le dimensioni delle auto".

Ci sarebbe anche piaciuto sapere qualcosa in più sull'evoluzione della gamma del modello: futuro stilistico della prossima C4 Picasso, eventuale lancio di derivate come C4 Tourer o DS4 Picasso, ma -comprensibilmente- non è ancora il momento di parlare di certe (eventuali) novità...

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 15 voti.  

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO