La Smart di prima generazione è l'auto che ha generato maggiori perdite economiche

Quali automobili posso venir considerate quale vero e proprio bagno di sangue? Lo scopriamo grazie ad una infografica, dalla quale emerge quante perdite hanno generato i modelli più sfortunati.

L’istituto Sanford Bernstein ha elaborato un utile ed interessante grafico, il quale ci aiuta a stabilire quali siano le automobili ‘colpevoli’ di aver generato le maggiori perdite economiche per l’azienda produttrice. Il modello in assoluto più sfortunato è la smart fortwo di prima generazione, mentre la Bugatti Veyron è quello dal più elevato rapporto perdita/esemplare. L’intero progetto fortwo ha determinato la perdita di ben 3.35 miliardi di euro, traducibili in 4.470 euro di rosso per ognuno dei 749.000 esemplari venduti. La sportiva di Molsheim è stata prodotta in 400 esemplari, valore comunque sufficiente per generare un passivo di 1.70 miliardi. Ciascuna Veyron è quindi venduta sottocosto di una cifra pari ad almeno 4.617.500 euro.

Scopriamo poi come l’equazione ‘automobile di successo=guadagno garantito’ non risulti sempre valida. Questo è l’esempio della Mercedes Classe A di prima generazione, costruita in quasi 2 milioni di esemplari e per cui la Stella ha messo in passivo 1.71 miliardi di euro (1.440 euro ad esemplare). Nella classifica trovano posto anche vetture non fortunatissime, come la Volkswagen Phaeton, la Peugeot 1007 e la Renault Vel Satis. Da sottolineare anche la presenza della Renault Laguna, per cui si è profilato un rosso di 3.550 euro ad esemplare (1.54 miliardi complessivi). Non manca la famiglia Stilo, vero e proprio bagno di sangue capace di generare una perdita superiore ai 2 miliardi di euro.

flop_auto

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 50 voti.  

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO