Paul Halstead e la sua coupè W16: ecco i primi bozzetti

Gli appassionati di automobili torneranno presto ad ascoltare il nome di Paul Halstead. L'imprenditore australiano sta infatti lavorando ad una sportiva con motore W16, composto da due V8 'legati' insieme. Sarà pronta nel 2016 e dovrebbe sviluppare 1.200 CV.

La sportiva W16 di Paul Halstead

Paul Halstead ha già rivelato di non considerare la sua supercar come una fonte d’investimento o come un modello di business. Il progetto ha finalità esclusivamente ludiche e ricreative, ragion per cui non è ancora confermata la produzione (nemmeno in piccola serie). L’imprenditore australiano potrà quindi realizzare una coupè dalle caratteristiche estreme, dallo stile particolarissimo e dalle specifiche assai ‘rumorose’: dovrebbe infatti erogare una potenza massima superiore a 1.200 CV. Queste prime indiscrezioni sono riportate da MotorAuthority.

L’imprenditore australiano, fondatore e proprietario della HAL, sta lavorando ad un motore sedici cilindri con frazionamento a W. Lo andranno a comporre due V8 LS7 da 7 litri - già destinato alla Corvette Z06 -, inclinati di 45°. Rispetto alla Bugatti Veyron – anch’essa equipaggiata con un W16 – non è comunque previsto un solo albero motore, ma un ‘ponte’ meccanico che di fatto lega i due 8 cilindri. Il cambio è sequenziale a sei rapporti, abbinato ad un differenziale a slittamento limitato. La coupè sfrutterà inoltre un telaio in fibra di carbonio ed in fibra di carbonio (e kevlar) sarà anche il corpo vettura.

L’imprenditore ha già annunciato di voler terminare l’auto nel 2016 e di volerla presentare al Detroit Autorama, rassegna dedicata alle più esclusive ed originali elaborazioni firmate da semplici privati. Ne produrrà un solo esemplare, con la possibilità di realizzarne altri qualora investitori lo aiutino nel sostenere le spese. Paul Halstead non è nuovo a questo genere d’imprese. Negli anni ’80 modificò alcune Alfa Romeo Alfasud Sprint e le rese a motore centrale, con freni Brembo, pannelli carrozzeria in kevlar e sospensioni dedicate. Si chiamavano Giocattolo e vennero costruite in soli 15 esemplari.

La sportiva W16 di Paul Halstead
La sportiva W16 di Paul Halstead
La sportiva W16 di Paul Halstead
La sportiva W16 di Paul Halstead

  • shares
  • +1
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: