Fiat Panda: al Salone di Ginevra ha festeggiato 30 anni

30 anni Fiat Panda

Al Salone di Ginevra in corso, Fiat ha festeggiato i 30 anni della Panda. Proprio all'edizione 1980 della kermesse elvetica fu presentata la rivoluzionaria citycar torinese, caratterizzata da una carrozzeria a tre porte e dal versatile abitacolo a cinque posti. La Fiat Panda fu concepita da Giugiaro che riprese un progetto inizialmente destinato ad Autobianchi per l'erede dell'A112. Nel corso di questi trent'anni, la Panda è stata prodotta in più di 6 milioni di esemplari, di cui 1,5 milioni appartengono all'attuale seconda generazione, in commercio dal 2003. Lo scorso anno sono state vendute oltre 300.000 unità di questa vettura e il risultato ottenuto rappresenta un record per la Panda.

La prima Fiat Panda fu prodotta in due serie e, al momento del lancio, era equipaggiata con due propulsori: il bicilindrico 650 da 30 CV della Panda 30 e il motore 900 a quattro cilindri da 45 CV della Panda 45. La vettura era lunga 338 cm, larga 146 cm e alta 145 cm, mentre il passo misurava 216 cm e il bagagliaio aveva una capacità di 276 litri. La mascherina della Panda era particolare, perché composta per metà da una griglia a steli verticali e per il resto da una superficie con il logo Fiat. Invece, il prezzo fu fissato in 3.700.000 lire.

Nel 1983 la gamma si allargò con la Panda 4x4, progettata in collaborazione con Steyr e mossa dal quattro cilindri 965 da 48 CV. Contemporaneamente, la linea subì un piccolo maquillage, rappresentato dall'adozione della mascerina nera con il rinnovato logo a cinque barre inclinate. Successivamente, furono introdotti gli allestimenti L, CL, Super e gli speciali College per la Panda 30 e Nuova 4x4. In questi anni viene messa a punto anche la campagna promozionale, trainata dall'efficace slogan "Se non ci fosse bisognerebbe inventarla".

30 anni Fiat Panda
30 anni Fiat Panda
30 anni Fiat Panda
30 anni Fiat Panda

30 anni Fiat Panda
30 anni Fiat Panda
30 anni Fiat Panda
30 anni Fiat Panda

Nel 1986 debuttò la seconda serie della Fiat Panda, rinnovata sia esteticamente che tecnicamente. Esternamente era riconoscibile per in nuovi paraurti e la targa posteriore posizionata in basso, mentre a livello meccanico fu introdotto il sistema di sospensioni posteriori con assale "ad omega" ereditato dalla Autobianchi Y10, quest'ultima sviluppata proprio su gran parte della piattaforma della Panda. La gamma delle motorizzazioni fu stravolta, perché sotto il cofano furono installati i motori Fire 770 da 34 CV della Panda 750 e 1.0 da 45 CV della Panda 1000. Inoltre, fu reso disponibile anche il propulsore 1.3 D da 37 CV della Panda Diesel.

30 anni Fiat Panda
30 anni Fiat Panda
30 anni Fiat Panda
30 anni Fiat Panda

Invece, la versione 4x4 fu abbinata al motore 1000 potenziato a 50 CV. La seconda serie della Panda è stata realizzata in numerose versioni speciali denominate Café, Sergio Tacchini, Shopping, Top Ten, Italia '90, Dance, Regimental, New Dance, Young 2 e Jolly, nonché le 4x4 Sisley e Sisley 2. Gli allestimenti standard che si sono succeduti negli anni sono stati Young, L, CL, CLX, Hobby e Super, mentre la Panda 4x4 è stata abbinata alle denominazioni CLX, Trekking e Country Club. Inoltre, la Fiat Panda è stata realizzata nelle versioni Selecta con cambio a variazione continua ed Europa con marmitta catalitica di serie.

30 anni Fiat Panda
30 anni Fiat Panda
30 anni Fiat Panda
30 anni Fiat Panda

Nel 1990 fu introdotta la Panda Elettra, una delle prime vetture elettriche ad essere venduta sul mercato italiano. Il motore elettrico - alimentato da batterie al piombo - sviluppava una potenza di 18 CV e spingeva la Panda fino ad una velocità massima di 70 km/h. Un anno dopo, la Panda seconda serie subì un maquillage che consisteva nell'adozione della nuova mascherina simile a quella della Fiat Tipo. In quest'occasione debuttò il motore 900 a iniezione elettronica da 39 CV che prima affiancò e poi sostituì il 750 Fire. Anche il propulsore 1000 adottò l'iniezione elettronica senza subire modifiche di potenza, mentre le versioni 4x4 e Selecta furono abbinate al 1100i.e. da 54 CV.

30 anni Fiat Panda
30 anni Fiat Panda
30 anni Fiat Panda
30 anni Fiat Panda

Nel 1997 la Panda fu adeguata alla normativa Euro 2 e, nel 2000, ricevette l'omologazione Euro 3. All'inizio del nuovo millennio debuttò l'ultima gamma della Fiat Panda, costruita attorno all'unica motorizzazione 1.1 Multi Point da 54 CV. Gli allestimenti previsti erano tre: Young, Hobby e College. Per la 4x4 furono scelti Trekking e Climbing. Inoltre, il prezzo della versione base fu posizionato sotto la soglia psicologica dei 10 milioni di lire. Rimase così invariata fino al settembre 2003, quando cedette il passo alla nuova generazione che inizialmente doveva chiamarsi Gingo. La produzione fu spostata da Mirafiori a Tichy, in Polonia, nonostante la prima generazione fosse stata assemblata sempre in Italia, per un certo periodo anche nell'impianto Autobianchi di Desio. Per quanto riguarda l'attuale, si tratta di storia contemporanea.

30 anni Fiat Panda
30 anni Fiat Panda
30 anni Fiat Panda
30 anni Fiat Panda
30 anni Fiat Panda
30 anni Fiat Panda
30 anni Fiat Panda
30 anni Fiat Panda
30 anni Fiat Panda
30 anni Fiat Panda
30 anni Fiat Panda
30 anni Fiat Panda
30 anni Fiat Panda
30 anni Fiat Panda
30 anni Fiat Panda

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO