Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

Scritto da: -

Piano industriale Fiat-Chrysler - i programmi per Chrysler

A conclusione della lunga conferenza stampa tenutasi nella giornata di ieri, ricapitoliamo i punti principali del piano industriale Fiat-Chrysler. Sergio Marchionne, CEO della Casa di Auburn Hills, ha illustrato il futuro produttivo dei brand Chrysler, Dodge, Ram e Jeep. E’ stata fatta luce sulle sinergie per quanto riguarda piattaforme e motori, nonché sui modelli che a breve lasceranno le catene di montaggio e quelli che, invece, entreranno presto in produzione.

Cominciamo dalle vetture che presto abbandoneranno i listini. I primi modelli a scomparire dalle scene saranno la Chrysler PT Cruiser e la Jeep Commander, entrambe verso la fine del 2010. Nel 2011, sarà la volta del pick-up Dodge Dakota e della supercar Viper. Quest’ultima, però, potrebbe ritornare in una nuova generazione già nell’anno successivo. Sempre nel 2012, ci sarà la dipartita della Caliber e delle Jeep Patriot e Compass.

Per quanto riguarda i modelli prossimi al debutto, già l’anno prossimo assisteremo al restyling della Avenger e all’ingresso di una crossover Dodge di grandi dimensioni. Verso la fine del 2010, ci sarà l’attesissimo debutto della Fiat 500, equipaggiata con il motore 1.4 MultiAir da 105 CV. Inoltre, il cinquino verrà venduto oltreoceano attraverso la rete Chrysler in spazi espositivi totalmente dedicati. Nel 2011, oltre alla Fiat 500C, arriverà anche un pick-up Ram di taglia media, primo veicolo del neonato brand. Il biennio 2012-2013, invece, sarà ricco di novità per il gruppo Chrysler. In questo periodo debutteranno i primi modelli frutto dell’accordo con Fiat. Nel 2012, sarà la volta delle berline compatte griffate con i brand Dodge e Chrysler, nonché della Abarth 500 e dei veicoli commerciali Ram di piccola e grande taglia. Molto probabilmente, questi ultimi saranno il Doblò e il Ducato in versione americana.

Piano industriale Fiat-Chrysler - i programmi per ChryslerPiano industriale Fiat-Chrysler - i programmi per ChryslerPiano industriale Fiat-Chrysler - i programmi per ChryslerPiano industriale Fiat-Chrysler - i programmi per Chrysler

Piano industriale Fiat-Chrysler - i programmi per JeepPiano industriale Fiat-Chrysler - i programmi per JeepPiano industriale Fiat-Chrysler - i programmi per JeepPiano industriale Fiat-Chrysler - i programmi per Jeep

Nel 2013, secondo il piano industriale, debutteranno ben sette modelli, tutti sviluppati da Fiat. Si partirà con tre nuovi modelli Jeep: una piccola SUV derivata dalla Panda 4×4, una SUV compatta in sostituzione di Patriot e Compass e la nuova Cherokee/Liberty. Per quanto riguarda Chrysler, arriverà una utilitaria, una crossover di medie dimensioni e la nuova Sebring. Infine, Dodge replicherà con un’altra utilitaria e la nuova Avenger.

Ma nel prossimo futuro di Chrysler, i modelli appena elencati non dovrebbero essere le sole novità per i quattro brand del gruppo di Auburn Hills. Infatti, molti altri modelli sono in attesa di ricevere il via libera da parte di Marchionne. Già nel 2010, potremmo assistere al debutto delle nuove Chrysler 300C, Dodge Charger e Jeep Grand Cherokee. Inoltre, è allo studio il restyling per le monovolumi Chrysler Town&Country e Dodge Grand Caravan - le versioni americane della nostra Grand Voyager - nonché un aggiornamento per la Jeep Wrangler che dovrebbe adottare un propulsore diesel di origine Fiat.

Fiat-Chrysler: ecco come si svolgerà l'integrazione tecnicaFiat-Chrysler: ecco come si svolgerà l'integrazione tecnicaFiat-Chrysler: ecco come si svolgerà l'integrazione tecnicaFiat-Chrysler: ecco come si svolgerà l'integrazione tecnica

Per il 2011, sono sotto considerazione anche i restyling delle Dodge Journey, Nitro e Challenger, mentre nel 2012 i pick-up 1500/2500/3500 subiranno un aggiornamento estetico per adottare il brand Ram. Infine, nel 2014, sarà la volta della nuova generazione per gli MPV Town&Country e Grand Caravan. Entro 5 anni, i volumi di produzione di Chrysler passeranno dagli attuali 1,3 milioni ai futuri 2,8 milioni. Di questi, 800.000 saranno Jeep e 415.000 saranno Ram, mentre il resto se lo spartiranno Chrysler e Dodge.

Piano industriale Fiat-Chrysler - i programmi per RamPiano industriale Fiat-Chrysler - i programmi per RamPiano industriale Fiat-Chrysler - i programmi per RamPiano industriale Fiat-Chrysler - i programmi per Ram

Per quanto riguarda gli aspetti relativi alla condivisione di motori e piattaforme, Fiat fornirà tutte le innovative tecnologie di cui dispone, come il MultiAir per i motori a benzina e il cambio sequenziale a doppia frizione DDCT, nonché le piattaforme per le vetture di dimensioni compatte. Invece, Chrysler fornira il know-how nel settore delle vetture elettriche, il motore V6 Pentastar e le piattaforme per le vetture di grandi dimensioni che verranno sfruttate per la realizzazione delle berline di segmento E griffate Lancia, Alfa Romeo e Maserati e dell’inedita SUV del Biscione.

Dodge: il piano di rilancio messo a punto da FiatDodge: il piano di rilancio messo a punto da FiatDodge: il piano di rilancio messo a punto da Fiat

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 3 voti.  
 
Aggiorna
  • nickname Commento numero 1 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by:

    AHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHH GODO GODO SEGMENTO E PER ALFA LANCIA MASERATI NONCHE IL NUOVO SUV ALFA GODO SI GODO GODO GODO ALLA FACCIA DI TUTTI QLL KE CI PRENDEVANO X IL CULO TUTTI ALLA RISCOSSA ANDIAMO ANDIAMO E PER 1 STEP SUCESSIVO TP SU ALFA PERFETTOO!!!!!! Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 2 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by:

    Inoltre per Lancia: Lancia potrà realizzare un’ammiraglia finalmente in grado di confrontarsi senza complessi con le tedesche, puntando sulla riconosciuta capacità di attrazione, buon gusto, personalità e fashion del marchio, cioè sulla capacità di fare tendenza, senza scimmiottare le sue avversarie. Per Lancia anche il dopo Phedra su base Voyager e altre opportunità di specialties (una supersportiva di prestigio che evochi i fasti di Aurelia e Flaminia?) sempre in alto di gamma. Questo è certamente il banco di prova di Olivier Francois, che ha gestito con successo l’immagine Lancia per Ypsilon, Musa, Delta. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 3 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by:

    bellissimo nn vedo l'ora nn vedo l'ora ahahahahah Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 4 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by:

    21 modelli, però sono una marea di marchi, sono 2 3 modelli/anno per marchio, sono tanti, ma non è assolutamente impossibile come piano, speriamo che trovino 5 minuti per ricarrozzare un'alfa fatta bene, magari in america come fa mercedes e bmw, e in bocca al lupo Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 5 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by:

    Speriamo che con la gestione Fiat riescano ad importare le Muscle Car Dodge… Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 6 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by:

    è1 piano davvero ambizioso…questa è la volta davvero davvero decisiva nn si può più sbagliare e cq sia un bravo a Marchionne finalmente qualcosa di serio sotto il sole e per il gruppo Chrysler e per il gruppo Fiat soprattttt per la tecnologia ibrida e il futuro ritorno in tp!!!AUGURI!!! Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 7 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by: knight-rider

    che questo sia il grande e atteso ritorno??? spero di si,a leggere del ritorno di una Lancia nel segmento E è troppo bello! dai Marchionne dai!!!!! Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 8 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by: karl-abarth

    Se riuscirà a portare a termine questo progetto, tra qualche anno si potrà chiedere la Beatificazione per Marchionne… Auguroni di cuore al nuovo gruppo, anche e soprattutto per tutte le migliaia di persone e famiglie a cui dà da vivere… Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 9 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by:

    1 io aspetterei un attimo ad urlare la gioia, per ora l'alfa in listino ha la mito mjet Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 10 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by:

    Perfetto,per le mie esigenze,il piccolo suv Jeep su base-eccellente-Panda 4x4.Peccato dover aspettare almeno 3anni… Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 11 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by:

    @giaserg a poco a poco con pazienza si fa tutto………..onestamente avresti immaginato tutto sto popo di roba dopo lo scandalo cn GM?????? Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 12 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by: richard-burns

    MOLTO vaghe le novità che rigurdano Alfa e Lancia, di motori si parla solo del 3.6, che spero non sia il Top di gamma. Per non parlare dei 6 cilindri Diesel di cui ancora non si sa niente. Io aspetterei ad esultare e conoscendo Fiat i tedeschi potranno fare sonni tranquilli per almeno altri 10 anni se non di più calcolando che per far uscire una 149 hanno fatto passare quasi 10 anni. EDIT Io ci credo poco Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 13 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by:

    wow… in gran spolvero Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 14 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by: Byohazard

    A me però non è ancora chiara una cosa: con questo nuovo piano aziendale mi è parso di capire che l'unico brand del gruppo americano ad essere importato in Europa sarà Jeep. In pratica non potremo mai più toccare con mano le Chrysler. Se così fosse sarebbe un peccato. Posso capire Dodge (anche se pure qui mi dispiace perchè sicuramente è un bel marchio), ma Chrysler credo sia una perdita per il mercato europeo. Speriamo non sia così anche se, a ben pensare sarebbe probabile. Significherebbe una concorrente in meno quantomeno per Lancia. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 15 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by:

    Purtroppo non sono uscite info chiare su Alfa Romeo ma daltronde l'incontro era per discutere il futuro sui brand americani.. Continuo a sperare per una Giulia TP altrimenti non avrebbe senso neppure dagli quel nome. La cosa che mi ha lasciato sconcertato è che la nuova Dodge Avenger è prevista per il 2013 con pianale Fiat.. ma scusate se dovrebbero usare il C-evo allungato che senso avrebbe presentarla così tardi? Spero che sia allo studio un pianale Lx accorciato di nuova concezione e alleggerito.. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 16 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by: HF

    Adesso devono solo darsi una mossa e passare dalle parole ai fatti in tempi decenti Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 17 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by:

    ecco il piano completo: <a href='http://www.chryslergroupllc.com/pdf/business/product_plan.pdf' rel='nofollow'>http://www.chryslergroupllc.com/pdf/business/product_plan.pdf</a> Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 18 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by: HF

    Perchè tutti si preoccupano dell'abbandono del mercato europeo da parte di Chrysler e nessuno si è mai preoccupato di comprarle? Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 19 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by: adso-da-melk

    Caro Marchionne se mai dovessi annoiarti di costruire scatole di latta, spero vorrai imporre una monarchia assoluta in Italia. Già che ci stiamo avvicinando, almeno lo faremmo con la coscienza di migliorare il nostro paese. A parte la politica, mi duole non leggera alcuna data per le nostre ammiraglie. Sarà che volevano dare un velo di credibilità al tutto, sapendo bene che i pronostici sulla commercializzazione delle varie Alfa e Lancia son sempre cannati. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 20 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by: Marchionne

    Ci credereste se vi dicessi che già l'anno prossimo si "vedrà qualcosa" della nuova Lancia Thema? Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 21 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by: adso-da-melk

    clovercleaf "Continuo a sperare per una Giulia TP altrimenti non avrebbe senso neppure dagli quel nome" Seguendo questa logica, e pensando a ciò che han fatto con Delta, darei per certa l'adozione della trazione sulla sola ruota destra anteriore. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 22 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by: adso-da-melk

    Marchionne: La marmitta? Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 23 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by: Marchionne

    Sulla Giulia non vi prometto nulla, ma la Thema sarà a trazione posteriore (integrale per le versioni più performanti) essendo basata sul pianale premium 300C Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 24 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by: Marchionne

    Adso: Solo la marmitta? Lei si accontenta di poco… Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 25 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by:

    @ marchionne e secondo te dovrebbero dare priorita di tp su thema invece che su giulia o 169??? Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 26 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by: adso-da-melk

    Marchionne: Uno specchietto? (grazie del "Lei", dà molta credibilità!) Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 27 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by: HF

    #25 Cercano di spalmare i costi su più auto possibili e poi dove sta scritto che solo le Alfa devono essere TP Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 28 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by: Marchionne

    Only-Alfa: Beh, Giulia (159) è una segmento D… Non vi posso promettere nulla. Invece Thema e 169 sono segmento E: in questa categoria, per essere credibili, la trazione posteriore non solo è auspicabile ma assolutamente necessaria; altrimenti si corre il rischio di fare flop come la Thesis o le francesi Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 29 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by: adso-da-melk

    only alfa: dato che si parla di progetto comune non vedo dove stia il problema di priorità. Se ci sarà TP significa che Alfa ne beneficerà di certo. Se ci sarà TI, sarebbe bene che tutte ne avessero una versione. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 30 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by: adso-da-melk

    (Qui si parla con gran gioia del TP, ma in molte zone del mondo - tipo dove vivo io - TP significa "se nevica stai fermo") Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 31 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by: HFd

    Tutti vogliono la TP ma voglio vedere quanta gente la comprerà Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 32 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by: adso-da-melk

    Marchionne mi dica: la nouva Thesis, che immagino potrebbe chiamarsi Thema, avrà un aspetto femmineo come la scorsa? Non crede che una scarsa virilità di Thesis sia uno dei maggiori motivi del FLOP commerciale? Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 33 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by:

    @ marchionne senza dubbio sara necessario x il seg E avere tp e poi una versione a tianche si sicuramente se è condiviso il pianale e se quel che dici è vero allora sicuramente entrambi a tp du is megl che uan!!!! Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 34 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by:

    @ HFd vuoi vedere che cn tp venderanno più alfa che bmw e mercedes???????? Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 35 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by: Marchionne

    Adso: Ne sono assolutamente convinto. Si ricorda della prima Thema? Ebbe uno straordinario successo europeo, poichè univa la classe Lancia con una sportività "mascolina" ma mai urlata. Ecco, la nuova Thema dovrà ricercare quella formula. Oltre a offrire sostanza sul piano tecnico, e non una semplice ed economica trazione anteriore Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 36 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by:

    @27 Infatti, anche la aurelia era a trazione tp su volere di Gianni Lancia… Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 37 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by:

    @32 Ti ricordo che la Thesis era un tripudio di eleganza e onore alla mitica aurelia… guai a criticarla! Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 38 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by: adso-da-melk

    La ringrazio della cordiale chiacchierata. Su su, ora non perda tempo con me e vada a preparare il rogo per i Centri Stile americani. Gli anni del mito dell'HUMMER sono finiti, chi glielo spiega se non Lei? Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 39 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by: toroilgrande

    penso che fin quando andrà in porto questopiano la CHrysler sia già morta e sepolta, andatevi a vedere i dati di vendita americani aggiornati Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 40 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by: HF

    #34 Non credo che i clienti Bmw e Mercedes le scelgano solo per la Tp Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 41 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by: Marchionne

    Non è mai tempo perso, ma investito Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 42 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by:

    mi sembra però che in questo piano quinquennale ci sia poco spazio per l'ibrido e l'elettrico puro. non mi sembra che Chrysler sia così avanti come toyota, nissan, ecc… non vorrei che si rimanesse un pò indietro in quest'ambito cruciale. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 43 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by:

    @hf senza dubbio sicuramente ma c'è un qualcosa di magico davvero soloa pronunciare tp in alfa nn vorrei sembrare malato anche se lo pensate ahahahah scherzo dai! Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 44 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by: HF

    #43 La tua malattia si chiama passione Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 45 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by:

    gia passione pura passione hf! Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 46 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by: JSJSJS

    Rido xchè sarà bello vedere il risultato di vendita della 500 in USA…….. sarà come andare a vendere ghiaccioli agli esquimesi…..ahhahahahahah sono americani mica pirla! Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 47 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by:

    la cosa che mi sorprende di più è il clima di fiducia che c'è nonostante tutto.. il progetto presentato nonostate i dubbi.. mi pare davvero molto buono se consideriamo le poche possibilità finanziarie. La preoccupazione principale è di tornare all'utile, pazienza se Alfa avrà motori americani, pazienza se le auto americane monteranno quelli di Fiat, pazienza se la Viper sparirà per qualche anno dal listino, l'importante è far tornare i conti in Verde ed evitare di licenziare le persone, il resto può essere risolto in un secondo momento. Molto furbo invece il nostro Sergio che "sottomette" il gruppo Chrystler avendo per il momento soltanto il 20% di quell'azienda, progettando per il futuro auto con pianali e motori nostrani.. che sono base di partenza per fare un'auto, che cosi facendo non si può più tornare indietro e rompere all'improvviso l'alleanza.. la Fiat diventerà in futuro un gruppo davvero grande. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 48 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by:

    ahahahaha simpatici quelli che chiacchierano con uno che si spaccia x Marchionne!! ahahahahahah quante risate mi sto facendo!!! tutta sta roba risarà come al solito congelata/bloccata/cestinata ecc..ecc… ma andassero a bende le patate quelli del gruppo fiat,che magari fanno meno danni! Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 49 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by: mago16

    Sono contento, ma per quel che riguarda l'europa, Fiat nel 08-2009 ha fatto più flop che altro…A cominciare dalla Mito, che doveva essere una gran bella macchina ed ivece ha deluso molti…Il restyling della punto, che per gli interni va' benissimo, ma per gli esterni…..Quelle plastiche grezze ridanno l'idea delle fiat di bassa qualità di un tempo….del doblò che sta per uscire non ne parliamo meanke, perchè sembra una copia cinese….E infine PURTOPPO, la futura milano sembra seguirà la scia della mito, deludendo le aspettative di una degna progenitrice dell'ormai vecchia 147… Speriamo bene… Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 50 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by: a1

    Non è male, anzi è fin troppo ambizioso,spero che Marchionne possa metterlo in pratica nel tempo stabilito. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 51 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by: richard-burns

    Si parla di TP e TI per la versioni più performanti, e quali motori dovrebbero adottare queste versioni?? HEMI :DDDD?? Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 52 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by: a1

    i 21 riguardano solo Chrysler, Fiat Alfa e Lancia sono escluse, da questi 21 modelli molti serviranno pure ai marchi italiani. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 53 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by: Alexxxxx

    Qui si fa un gran parlare di TP . Ieri ho guidato una serie 1 sul bagnato+foglie secche …..UNA SAPONETTA !!!! Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 54 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by: xxxioxxx

    richard burns informati e poi torna …..un 3.0 v6 biturbo m.air 420 cv non t basta? Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 55 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by: HF

    Si può fare a meno della TP nel basso di gamma ma è preferibile almeno nel segmento E Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 56 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by: Ninja 10r

    a quando il Challenger 1.4 gpl xD. A parte la mia battuta , la Fiat ha fatto un bel progetto per il futuro della Chrysler. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 57 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by:

    Ho sempre pensato che l'uomo col maglione fosse molto abile nel lanciare roboanti proclami, utili sopratutto a rilanciare il titolo in Borsa, adesso sappiamo che se la cava piuttosto bene anche col Powerpoint. Di carne al fuoco per il prossimo quinquennio ce n'è abbastanza, sia pur ripartita tra ben 9 marchi, la griglia c'è l'ha messa Obama, speriamo che come solito Sergione non faccia economia con la carbonella. Perchè ormai è cosa arcinota che nel gruppo Fiat tra "il dire" ed "il fare" (magari neanche tanto bene) trascorrono i decenni…… Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 58 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by:

    La strada è quella giusta, speriamo che non la prendano contromano… Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 59 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by: a1

    Vannista: Se credi che Marchionne si sia messo di sana pianta ad usare il PP allora stai fresco, oltre a ragionare poco e neanche tanto di fino ti sfarfalla pure quel poco cervello che ti è rimasto, che pall€ sta gentaglia. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 60 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by:

    @A1 Ovviamente il grande Sergio usa il PP e allestisce personalmente anche le grigliate aziendali !!! Ma che te lo dico a fare…… Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 61 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by: HF

    Debutterà tra 12 mesi al Salone di Francoforte sotto le spoglie di concept semi definitivo (come accadde per la Delta a Parigi 2006) per entrare in produzione nel Marzo del 2011 la nuova Lancia Thesis sarà la versione rimarchiata Lancia della nuova Chrysler 300C. Le modifiche saranno minime. Nuova mascherina e paraurti meno spigolosi, interni più curati e sospensioni più rigide. Trazione posteriore e pianale E-Evo ovvero il già noto LX alleggerito (30/40 in meno). Motori fino a 3,6 litri Multiair (circa 280-300 CV di potenza max) e diesel 2.0 turbo e biturbo (140CV fino a 200 CV). Cambio automatico 5 rapporti di origine Mercedes, manuale forse non disponibile. Carrozzeria Wagon e berlina. Avrà un peso di circa 100 kg in meno dell’attuale 300C. La versione originale Chrysler debutta a metà 2010 con motori V6 Pentastar e V8 Hemi. A metà 2010 pure la Charger, versione più aggressiva della 300C marchiata Dodge. L’Alfa 169 è incerta. Lancia in Europa assorbirà tutti i prodotti Chrysler che saranno lanciati dal 2010, NON i restyling di modelli già in produzione <a href='http://www.autoblog.it/tips/item/12-mesi-alla-nuova-lancia-thesis-#show_comments' rel='nofollow'>http://www.autoblog.it/tips/item/12-mesi-alla-nuova-lancia-thesis-#show_comments</a> Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 62 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by:

    diesel fino a 200 cv???? ma come!!!!!!!!!!!!! Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 63 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by: HF

    Penso ci saranno anche i V6 diesel Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 64 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by: elanslh2

    Incrociamo le dita, ma mi sembra un gran bel piano industriale, 21 modelli in meno di 5 anni sono moltissimi! Per quanto riguarda il versante FIAT/Europa, pazientiamo qualche giorno prima di fare mille illazioni. Per intanto si è chiarito che a Grugliasco si faranno le 2 ammiraglie (cioè al 99% Lancia + Alfa) su piattaforma nuova Chrisler TP, con tanto di 6v e forse anche 8V. Credo che ci sia ottime premesse per gli alfisti nostalgici… A parte ciò, sono colpito dalla concretezza e franchezza di Marchionne. L'avete sentito ai tg? Ha detto più o meno: stiamo lavorando tutti duramente…, perchè questa è l'ultima occasione, se facciamo cavolate ce ne andremo tutti a spasso… Avete mai sentito un grande manager italiano (ma non solo) dire le cose così chiaramente? Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 65 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by: a1

    Vannista: Si è addetto alla cottura dei magna crauti, ma per favore, sempre BLA BLA BLA sei e BLA BLA BLA rimani. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 66 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by:

    ma il 5 cilindri 2.4 perchè non lo fanno 2.5 (come il 1.9..) e magari biturbo? 250 0 260 cavallucci non dovrebbero essere impossibili da tirare fuori….magari anche qualcosina in più . in attesa del 6v da oltre 3000 si potrebbe fare … Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 67 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by: a1

    leonek: No è tutta roba vecchia ed obsoleta come il 5 cilindri jtd, tuttavia si sta parlando principalmente di Chrysler, Dodge e Jeep quindi i diesel non servono a molto tranne che a jeep perchè viene importata in Europa. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 68 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by:

    sarà il solito fallimento…stavolta su scala planetaria!! Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 69 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by: per caso

    Non ho dubbi sul fatto che Marchionne riesca a salvare Chrysler. Detto questo che è l'unica vera incognita, le ottime prospettive si svilupperanno per gradi e priorità: 1 - riorganizzazione e salvataggio di Chrysler nel breve 2 - economie di scala e razionalizzazione dei prodotti 3 - sinergie e nuovi prodotti con le piattaforme disponibili 4 - utili per investire in nuovi prodotti 5 - fine dell'emergenza e vero sviluppo dei marchi, dei mercati e dei prodotti, in tutte le direzioni Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 70 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by:

    @ 69 tempo previsto…non pervenuto! Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 71 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by:

    fallimento la capocchia Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 72 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by: fabio27

    Inutile pensare ancora a motoroni. Il downsizing funzionerà anche sulle grosse, non solo sulla 500 (Mercedes ha già cominciato). Un due litri multiair muoverà più che bene un'ammiraglia. Il sei cilindri ci sarà per chi vuole strafare. Il downsizing vorrà anche dire che la differenza di coppia e consumi tra diesel e benzina tenderà a ridursi. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 73 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by: per caso

    @Merk_urio Business plan del 4 novembre … pervenuto a 10 miliardi di persone A te non è pervenuto? Peccato !!! … penso che non se ne accorgerà nessuno di questa mancanza. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 74 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by:

    raga io sto male forse non è chiaro io voglio vedere IL TRIPUDIO DEL LUSSO LANCIA AAAAAAA Da lancista a soli 21 anni la mia bella lancia lybra io la amooo anche se mi sa che l'altro giorno mi stava abbandonando -.- vabbe dettagli!!! FORZA LANCIA FAI VEDERE COSA VUOL DIRE IL VERO STILE TEMPERAMENTO ED ELEGANZA A QUEI TAMARRI TEDESCHI CHE VANNO GIRANDO CON I CALZINI DI SPUGNA BIANCHI E I SANDALIII Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 75 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by: Vannista

    ottimo piano vai Fiat Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 76 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by: Vannista

    la grigliata Marchionne sarà parecchio saporita al contrario di quella wurstel e crauti che allestì Daimler..immangiabile e fallimentare Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 77 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by:

    Che tristezza..ancora non si vede un 3.0 turbodiesel. Come pensano di venderle le segmento E lancia' Con i 2.4 jtd? Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 78 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by: nerogatto

    Qua la FIAT si gioca la camicia! Se vince diventa uno dei 4-5 global player dell'auto, se perde ci lascia le penne e l'Italia perde l'UNICA azienda competitiva sul piano mondiale. Il piano è entusiasmante, dai Sergio! Prima l'auto poi l'Italia! Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 79 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by: giulio503

    Ci vorranno mooolti anni perchè Chrysler torni a livelli di Ford e GM… anche ad ottobre mentre gm e ford salivano Chrysler ha perso un altro 30%.. e già vendeva poco il mese prima… Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 80 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by: pupillo

    Vannista amico di stern…fatti un giro in turingia Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 81 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by: alfista doc

    W L'ALFA !!! voglio la TP sulla Giulia !!! sono le segmento D le berline sportive…. sportività e successo vuol dire TP come le BMW serie3 !!! se non mi mettono la TP sulla Giulia terrò la 156 fino al 2018 aspettando la futura berlina alfa….. PS: su questo forum abbiamo l'onore di avere anche marchione in persona XD a me sarebbe annoiato fare questa parte…. almeo lui si diverte…. lol Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 82 su Piano industriale Fiat-Chrysler: il punto della situazione

    Posted by:

    The Fiat patent fraud. About the Fiat hybrids, the technology double clutch with electric motor between has been stolen by a patent that Fiat Company has never wanted to purchase, but only shamelessly to copy. This hybrid solution will be the basic technology with Chrysler's electric and hybrid car program. Please give a look in my blog where her "vitality" and boldness of the Fiat planners it appears in all of evidence: <a href='http://dualsymbioticelectromechanicalengine.blogspot.com/' rel='nofollow'>http://dualsymbioticelectromechanicalengine.blogspot.com/</a> If the industries can afford unpunished to copy the ideas and defending it need very expensive trial, to which target need the patents? How our young people can find intellectual courage if the economic potentates crush the rights of the single ones? How to defend the rights of private inventors? Whoever is about to ask for a patent or wants to propose a proper patent to a great firm I suggest to give a look to my experience with the Fiat, to get able to operate with best adroitness. Thanks and good time to everybody. Ulisse Di Bartolomei Scritto il Date —