Benzina: in futuro sarà ottenuta dai batteri

In futuro la benzina sarà prodotta dai batteri che convertiranno il glucosio in biocarburanti, del tutto identici ai combustibili fossili attualmente sul mercato.

Benzina di origine biologica

Nei prossimi anni potremmo assistere all'arrivo di nuove tipologie di carburanti di derivazione biologica con caratteristiche completamente identiche agli attuali combustibili di origine fossile. I Biocarburanti sono già presenti in commercio però non hanno caratteristiche identiche ai combustibili fossili ed in alcuni casi possono portare i moderni motori a combustione interna ad un deterioramento prematuro. Oltre a ciò la loro produzione risulta complessa e, pur funzionando nello stesso modo dei normali carburanti, risultano molto meno efficienti seppur rivelandosi meno dannosi per l'ambiente.

Numerosi ricercatori di tutto il Mondo stanno studiando un modo per migliorare la bioproduzione di idrocarburi e pare che alcuni studiosi della Università di Exeter in Gran Bretagna abbiano escogitato un metodo per produrre benzina sfruttando una reazione di alcuni batteri con il glucosio. Come riportato da Newscientist, il Professor John Love con la sua equipe di scienziati avrebbe infatti combinato il DNA del batterio dell'Escherichia Coli con alcuni geni dell'albero di canfora, di una particolare alga e di altri batteri. Quando l'Escherichia Coli modificato si nutre di glucosio, è in grado di convertire gli zuccheri in acidi grassi e successivamente in idrocarburi che si sono dimostrati chimicamente e strutturalmente identici alla benzina attualmente in commercio. Questa ricerca, parzialmente finanziata dall'azienda petrolifera Shell, potrebbe rivelarsi fondamentale per il futuro dei trasporti che vedrebbe un largo impiego di queste risorse sia a livello di autotrazione, sia per navi ed aerei.

I ricercatori dell'Università di Exeter si sono così dimostrati in grado di produrre biologicamente la benzina che viene attualmente venduta ai distributori di carburante. Il prossimo passo di questa ricerca riguarderà la produzione di massa di questo biocarburante, con il perfezionamento del processo di realizzazione. Attualmente il glucosio utilizzato per la reazione è di origine vegetale, ma i ricercatori affermano di poter ottenere gli stessi risultati utilizzando paglia oppure letame. Quando questo procedimento sarà operativo, anche le critiche sull'utilizo di risorse alimentari per la produzione di biocombustibili risulterebbero infondate, rendendo la benzina derivata dai batteri il biocarburante ideale per il futuro.

  • shares
  • Mail
12 commenti Aggiorna
Ordina: