BMW M3 vs Lexus IS-F vs Mercedes C63 AMG: la prova di AutoBild

E' arrivata, finalmente. Anzi, sono arrivate. Ci stiamo riferendo alla BMW M3 berlina -tanto attesa per un confronto ad armi pari con la Mercedes C63 AMG- e alla Lexus IS-F, biglietto da visita con cui la casa giapponese si presenta nella nicchia delle medie supersportive. AutoBild le ha messe a confronto: andiamo a vedere come è andata.

La Lexus, che era un po' quella da mettere sotto esame, tra AMG ed M, due sigle storiche delle sportive tedesche, se l'è cavata egregiamente, risultando perfettamente all'altezza del compito: la IS-F offre una valida alternativa a chi non vuole orientarsi sulle "solite" BMW e Mercedes. Il motore è un 5.0 V8 derivato dal 4.6 V8 della LS 460 sottoposto ad un aumento di cilindrata e ad altri interventi messi in atto in collaborazione con Yamaha. Il risultato è una potenza massima di 420 CV a 6600 giri.

Tra le caratteristiche qualificanti del propulsore vanno menzionate le trentadue valvole realizzate in titanio ed il radiatore olio raffreddato a liquido. C’è poi una speciale pompa nel carter dell’olio che garantisce il giusto apporto di lubrificante anche in condizione di forte G laterale o frontale (un po’ come avviene sulla GT-R). Due le vie di aspirazione: fino a 3500 giri ne funziona solo una, mentre quando si comincia a "tirare" entra in funzione la seconda. Completano il quadro i freni Brembo con pinze a sei pistoncini e la trasmissione sequenziale a otto marce, una versione più sportiva di quella della LS 600 h.

Mercedes-Benz C 63 AMG BMW M3 E90 Berlina Lexus IS-F

Mercedes-Benz C 63 AMG BMW M3 E90 Berlina Lexus IS-F

Il risultato è un'auto dannatamente rapida in pista, con innesti delle marce fulminei. L'elettronica ha un gran da fare per tenere a bada i 420 CV: traction control ed ESP intervengono spesso e volentieri, ma del resto una volta disinseriti, la IS-F diventa gestibile solo da mani molto esperte, che pure talvolta contrastano a fatica la sovrabbondante potenza.

Un gradino sopra BMW e Lexus si trova la C63, sul piano della brutalità e delle emozioni. Il motore è un vero pezzo da novanta per le prestazioni scandalose e per il sound, definito "apocalittico" da AutoBild. All'esatto opposto il 5.0 Lexus, il meno coinvolgente in termini di tonalità. Mai si era vista una Classe C così rigida e poco confortevole però.

Decisamente meglio in termini di comfort fa la BMW, che secondo i tedeschi potrebbe tranquillamente essere un'auto da famiglia. Tiratissimo il V8 (dotato di otto farfalle, una per ogni cilindro), che sale senza indecisioni fino agli 8400 giri, ma che per la verità pare un pelo vuoto sotto. Ovviamente si parla in termini -molto- relativi, ma il confronto con la spropositata elasticità della C63 è palesemente a favore di quest'ultimo, che in qualunque rapporto, e a qualunque andatura risponde alla velocità del pensiero.

L'M3 conferma, in questa versione berlina, le genuine doti messe in mostra dalla coupè: la sua agilità è chiaramente superiore a quella delle due concorrenti, e lo sterzo è disarmante per la precisione, tanto che sembra che la macchina segua automaticamente la traiettoria più efficace, mangiando letteralmente le curve.

Mercedes-Benz C 63 AMG BMW M3 E90 Berlina Lexus IS-F

Alla fine dei giochi, quello che è emerso, oltre alle scontate conferme di BMW e Mercedes, superlative per aspetti diversi, è stata la sorpresa della Lexus. Che ai tedeschi piaccia o no, M3 e C63 hanno una nuova rivale alla loro altezza.

Un ringraziamento va al nostro lettore enr per la segnalazione

  • shares
  • +1
  • Mail
482 commenti Aggiorna
Ordina: