69 automobili per il burn-out più 'frequentato' di sempre












Fra qualche mese ben 69 automobilisti australiani vedranno il rispettivo nome citato nel libro del Guinness dei Primati. Il motivo? La truppa di scalmanati ha infatti organizzato il burn-out di maggiori dimensioni mai tentato, bruciando in contemporanea 138 pneumatici per un totale di almeno 30 secondi. L’evento è stato organizzato presso il Canberra Exhibition Park, ha visto la partecipazione di ben 10.000 persone ed è stato preparato al termine di 6 mesi febbrili. Il parco auto era composto da vetture contemporanee e modelli storici, compresa una Toyota Corolla d’epoca e non per questo motivo priva di alcuna elaborazione. Tutte le automobili erogano assieme una potenza superiore a 35.000 CV. Questo non è tuttavia l’unico Guinness World Record in ambito automobilistico recentemente infranto.

La Hennessey Venom GT ha stabilito ad esempio il nuovo primato nell’accelerazione 0-300 km/h. Alla supercar texana sono bastati appena 13.63 secondi per portare a termine il rilevamento, valore che alla maggior parte delle utilitarie non basta nemmeno per coprire lo 0-100 km/h. Poche settimane prima la Tesla Model S aveva invece percorso quasi 700 chilometri con un unico ciclo di ricarica, mentre a fine novembre furono 2 collaudatori a spartisti le attenzioni di noi appassionati: prima Lars Verbraeken effettuò a 179.59 km/h il drift più veloce di sempre, mentre Ronny Wechselberger parcheggiò in retromarcia una Volkswagen up! con appena 35 centimetri di margine.

  • shares
  • +1
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: