BMW e Boeing insieme per lo sviluppo tecnologico della fibra di carbonio

BMW e Boeing insieme per lo sviluppo tecnologico della fibra di carbonio

BMW siglerà presto un accordo con l’americana Boeing, noto costruttore di aviogetti, per lo sviluppo di materiali compositi, delle loro tecnologie costruttive e per il recupero della fibra di carbonio usata. BMW ha infatti palesato il suo interesse per le costruzioni in CFRP attraverso le futuristiche i3 ed i8 e l’acquisizione di una buona porzione di SGL Automotive Carbon Fibers, una joint venture con la tedesca SGL Group, multinazionale specializzata nella produzione di fibra di carbonio.

Boeing da parte sua è il primo costruttore aeronautico ad utilizzare i compositi in carbonio per un aereo civile, l’avanzatissimo 787 Dreamliner, fresco fresco di presentazione per quelli che sono i tempi di rinnovamento aeronautici: la costruzione di questo bireattore è infatti realizzata al 50% in CFRP.

Cruciale per questa partnership è anche la vicinanza geografica fra la sede della Boeing, situata a Seattle nello stato di Washington, e l’impianto BMW di Moses Lake, ideato per lo sviluppo e la produzione della fibra di carbonio. Con questa collaborazione i due costruttori sperano di ideare metodi di produzione meno costosi, che possano far proliferare la diffusione di materiali in fibra di carbonio in campo aeronautico ed automobilistico.


  • shares
  • +1
  • Mail
13 commenti Aggiorna
Ordina: