Ibride/elettriche

Le automobili ibride sono definite tali in quanto utilizzano un sistema di propulsore ibrido, composto cioè da un motore termico (benzina o diesel) e da un motore elettrico. Il successo di tali modelli è determinato dalla minor richiesta di carburante, dovuta all’intervento del modulo elettrico: in ambienti cittadini (e più in generale a bassa velocità) l’auto può muoversi senza consumare benzina e quindi senza emettere sostanze nocive. Il motore a zero emissioni trae energia da un pacco batterie, collocato generalmente sotto il pianale, ricaricabile da una presa a muro oppure attraverso sistemi di bordo: nel primo caso l’automobile si rivela più costosa ed assume la denominazione plug-in hybrid, mentre nel secondo sarà più economica e dall’autonomia sensibilmente inferiore.

Una piattaforma ibrida può essere del tipo in parallelo od in serie. Nel sistema in parallelo entrambi i motori forniscono coppia alle ruote, mentre nel sistema in serie l’unità termica non è collegata alle ruote e fornisce energia solo per alimentare il modulo elettrico. Le vetture di questo tipo sono definite EREV, ovvero elettriche ad autonomia estesa. Il loro funzionamento è comunque intuitivo. Il motore elettrico è l’unico a muovere fisicamente l’automobile. L’unità termica interviene qualora la carica delle batterie sia terminata: produce energia e la indirizza all’unità elettrica, che nel frattempo continua a muovere l’automobile. Tutto ciò avviene in maniera autonoma, senza il bisogno di fermarsi e senza che il conducente si accorga di alcun mutamento. EREV è ad esempio la Chevrolet Volt.

Le automobili elettriche utilizzano invece un pacco batterie ed un motore a zero emissioni. Non producono alcuna sostanza tossica ed i costi di gestione sono estremamente ridotti, ma a tali plus corrisponde un malus decisamente fastidioso: l’autonomia. È infatti difficile che in condizioni d’uso reale una vettura elettrica possa garantire un’autonomia superiore a 200 chilometri, sufficiente per la quasi totalità dei pendolari ma vincolo a frenarne la diffusione. A questo elemento si aggiungono poi i notevoli costi d’acquisto ed i tempi di ricarica. Stanno comunque prendendo piede stazioni di ricarica rapida, che tagliano in maniera significativa i tempi per un ‘rabbocco’.

Ciclo Atkinson “for dummies”: come funziona

Cresce la diffusione delle vetture con propulsione ibrida, quelle che abbinano un motore elettrico ed uno endotermico... Continua...

A Roma il primo Flash Mob "Elettrico"

Oggi a Roma si è svolto il primo “Flash Mob Elettrico”: i possessori di veicoli elettrici si sono incontrati nel... Continua...

Citroen E-MEHARI e SpaceTourer secondo Marval [VIDEO]

Citroen E-Mehari: l’anima è sempre quella, sbarazzina, dell’iconico modello degli anni ’60; ma sotto il cofano... Continua...

Foto spia Audi A3 e-tron MY 2017

Nonostante le plug-in hybrid a marchio VW presentino una firma luminosa a LED con motivo a “C”, la rinnovata A3... Continua...

DS e-tense e DS3 al Salone di Ginevra 2016 LIVE

E’ passato esattamente un anno: era al Salone di Ginevra 2015 che DS debuttava dinanzi al mondo intero come marchio... Continua...

[Video] Citroen al Salone di Ginevra 2016 Live

Per salutare il successo di critica e pubblico ottenuto dalla C4 Cactus, il costruttore francese espone al Salone di... Continua...

Toyota C-HR: prime foto ufficiali

Prime immagini per la nuova sfidante nel segmento delle SUV compatte: si tratta della Toyota C-HR: è costruito sul... Continua...

Hyundai IONIQ: tutti i dettagli tecnici [VIDEO]

Debutta su Hyundai IONIQ una piattaforma tecnica in grado d’ospitare tre differenti motorizzazioni: ibrida, ibrida... Continua...

Dalla California l'ibrido che impara a consumare meno

Ottimizzando i due motori dell'auto ibrida con un software gli scienziati californiani riescono a far risparmiare... Continua...

Volkswagen Golf GTE: la video prova su strada

Una Golf dalla doppia anima, pacata, silenziosa e rispettosa dell’ambiente ma all’occorrenza scattante e sportiva,... Continua...