Ibride/elettriche

Le automobili ibride sono definite tali in quanto utilizzano un sistema di propulsore ibrido, composto cioè da un motore termico (benzina o diesel) e da un motore elettrico. Il successo di tali modelli è determinato dalla minor richiesta di carburante, dovuta all’intervento del modulo elettrico: in ambienti cittadini (e più in generale a bassa velocità) l’auto può muoversi senza consumare benzina e quindi senza emettere sostanze nocive. Il motore a zero emissioni trae energia da un pacco batterie, collocato generalmente sotto il pianale, ricaricabile da una presa a muro oppure attraverso sistemi di bordo: nel primo caso l’automobile si rivela più costosa ed assume la denominazione plug-in hybrid, mentre nel secondo sarà più economica e dall’autonomia sensibilmente inferiore.

Una piattaforma ibrida può essere del tipo in parallelo od in serie. Nel sistema in parallelo entrambi i motori forniscono coppia alle ruote, mentre nel sistema in serie l’unità termica non è collegata alle ruote e fornisce energia solo per alimentare il modulo elettrico. Le vetture di questo tipo sono definite EREV, ovvero elettriche ad autonomia estesa. Il loro funzionamento è comunque intuitivo. Il motore elettrico è l’unico a muovere fisicamente l’automobile. L’unità termica interviene qualora la carica delle batterie sia terminata: produce energia e la indirizza all’unità elettrica, che nel frattempo continua a muovere l’automobile. Tutto ciò avviene in maniera autonoma, senza il bisogno di fermarsi e senza che il conducente si accorga di alcun mutamento. EREV è ad esempio la Chevrolet Volt.

Le automobili elettriche utilizzano invece un pacco batterie ed un motore a zero emissioni. Non producono alcuna sostanza tossica ed i costi di gestione sono estremamente ridotti, ma a tali plus corrisponde un malus decisamente fastidioso: l’autonomia. È infatti difficile che in condizioni d’uso reale una vettura elettrica possa garantire un’autonomia superiore a 200 chilometri, sufficiente per la quasi totalità dei pendolari ma vincolo a frenarne la diffusione. A questo elemento si aggiungono poi i notevoli costi d’acquisto ed i tempi di ricarica. Stanno comunque prendendo piede stazioni di ricarica rapida, che tagliano in maniera significativa i tempi per un ‘rabbocco’.

Mercedes Classe B Electric Drive: foto spia

Le foto spia mostrano la Mercedes Classe B Electric Drive in ricarica durante una fase di test in Svezia Continua...

Audi R8 e-tron: stop alla produzione

La produzione della Audi R8 e-tron sarebbe stata sospesa a tempo indeterminato perché la supercar elettrica non sarebbe... Continua...

Audi R8 e-tron: la supercar elettrica torna a far parlare di sé

Sembra che il progetto della R8 e-tron sia stato rimesso in piedi dopo lo stop dello scorso ottobre: è infatti iniziata... Continua...

Auto elettriche, Renault: vendite deludenti

Renault è delusa dalle vendite delle sue auto elettriche a livello globale Continua...

Ferrari F150: ecco gli ultimi render

Il designer Evren Milano ha prodotto questi interessanti rendering della nuova Ferrari F150: si tratta di ricostruzioni... Continua...

Mitsubishi Outlander PHEV: debutta il SUV ibrido plug-in

La Mitsubishi Outlander PHEV è il SUV ibrido plug-in che arriverà sul mercato giapponese a gennaio 2013 Continua...

VIA Motors: tre modelli al salone di Detroit

VIA Motors presenterà al salone di Detroit 3 automobili ibride EREV Continua...

McLaren P1: ecco le modifiche estetiche della versione stradale

Si avvicina il debutto della McLaren P1 stradale: ecco come sarà fatta Continua...

TypeZero Concept: la Bugatti elettrica secondo Marc Devauze

Bugatti TypeZero Concept: pensata dallo stilista francese Marc Devauze, si tratta di una versione futuristica della... Continua...

BMW i3, foto spia della nuova auto elettrica

Le foto spia mostrano l'auto elettrica BMW i3 con molte meno camuffature e con i gruppi ottici definitivi Continua...